Annuncio truffa : forcyvesbou@gmail.com BOUDIER JEAN YVES RENE

SOSPETTA TRUFFA!

Data19/09/2019
Email fraudolenteforcyvesbou@gmail.com
PseudonimoBOUDIER JEAN YVES RENE
Contenuto della truffaBuongiorno

Si La merce mi conviene perfettamente , confermo l’acquisto del bene . Una volta il vostro conto bancario sarà accreditato della somma totale vi invio il mio trasportatore la societa (http://www.fedex.com/fr/

Nouveau site FedEx.com - Suivi, expédition et points de dépôt

Connectez-vous à votre compte ou découvrez nos conseils pour optimiser vos expéditions, nos solutions d'impression ou nos idées pour votre PME.

www.fedex.com

) della società marittimo per il ritiro della merce a vostro domicilio. Le spese di trasporto sono a mio carico. dunque se siete d'accordo per la procedura , aspetto di ricevere le informazioni seguenti per concludere l'aquisto:

Nome /Cognome ;

Iban o numero di la carta postpay:

Confermate il prezzo finale;

Indrizzo domicilio actuele:

la vostra scheda di identificazione per la garanzia dell’operazione.

Il vostro numero di whatsapp telefono mandami vostro prezzo finale

E le foto

È io che è incaricato di pagare le spese della spedizione, io spera che siate una persona seria in che posso avere fiducia. Con più fiducia nell'operazione, Sono di nazionalità Francese per ragioni professionali.

Ecco il Mia identificazione.

Grazie per la vostra buona comprension

Signore Boudier Jean
I tuoi commenti / analisiSOLITO LURIDO TRUFFATORE
“truffa della Costa D’Avorio”, diffusasi grazie all’avvento del commercio on line e che ha mietuto, negli anni, numerose vittime, tra i navigatori della rete.

Al fine di poterla riconoscere e non incappare nel raggiro, di seguito le tappe generalmente seguite dagli ideatori di questa tipologia di truffa.

Il compratore contatta il venditore facendogli credere di essere estremamente interessato ad un articolo in vendita;

non contratta sul prezzo e cerca di accattivarsi la fiducia del venditore; si fa carico delle spese di spedizione e chiede in tutti i modi possibili di pagare tramite bonifico bancario; inventa una scusa in cui spiega di trovarsi lontano dall’Italia per motivi di lavoro ma che presto tornerà;

chiede di poter avere i dati del venditore per potere inviare il bonifico e sapere da dove parte l’articolo in questione;

invia un email falsa dell’istituto bancario, in cui viene spiegato dettagliatamente “o quasi” la transazione economica;

chiede al venditore di pagare la “Uemoa” (una tassa locale estera) per sbloccare il bonifico inviato utilizzando per il trasferimento del denaro “Money Gram” o “Western Union” (questo perché non consentono di risalire a chi lo incassa);

Il venditore fidandosi paga la tassa (non altro che un semplice trasferimento di denaro), invia l’articolo e solo dopo si rende conto di essere stato truffato ed avere perso denaro e oggetto in vendita.
Allegati
Avverti i tuoi amici!

3 commenti


 
 
 

Il tuo commento verrà aggiunto
subito dopo la convalida
Francais Anglais Espagnol Italien Allemand